Whatsapp

Cannabinoidi | Quali sono?

In questa seconda parte del viaggio tra i cannabinoidi, andiamo a scoprire i principali (o comunque i più conosciuti e studiati) con le loro potenziali applicazioni in campo medico. Questo approfondimento è fondamentale per una corretta lettura di un’analisi quantitativa dei fitocannabinodi.

Riassumendo

Abbiamo visto che i cannabinoidi sono metaboliti secondari delle piante (PSM) sintetizzati da membri della famiglia delle Cannabaceae e da diverse altre specie vegetali. Più del 20% dei PSM di cannabis isolati sono cannabinoidi. I due principali cannabinoidi, Δ9-THC e cannabidiolo (CBD), sono spesso usati per classificare la cannabis (medical/hemp). L’elenco non finisce certo qui. La ricerca procede spedita alla ricerca di nuovi cannabinoidi nel fitocomplesso della cannabis, che già ne conta decine. Cominciamo con i più conosciuti e studiati fino a oggi.

Cannabinoidi | Cosa sono?

Tutti questi fitocannabinoidi compaiono nel nostro referto di analisi quantitativa della cannabis e dei suoi estratti. La tabella di sinistra, la più nutrita, riporta le concentrazioni di 12 differenti cannabinoidi e acidi cannabinolici. Sulla destra sono riportati il THC e il CBD totali, frutto della somma tra CBD/THC e CBDA/THCA una volta applicata la specifica formula di conversione indicata in fianco.

Esempio del referto di un'analisi quantitativa dei cannabinoidi eseguita con tecnica HPLC presso i laboratori Ambra

CBG

Il CBG è stato isolato per la prima volta nel 1964 dallo stesso gruppo che ha riportato la struttura del Δ9-THC (Gaoni & Mechoulam, 1964). Ha mostrato proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, pur non mostrando effetti psicotropi, in quanto è un povero agonista del recettore CB1. Il CBG è un agonista parziale dei recettori CB2, un potente agonista dei recettori α2-adrenergici (EC50 0,2 nM) e un moderato antagonista del recettore 5-HT1A, oltre interagire con varie isoforme di TRP tra cui TRPV1 e 2 canali. Questi composti hanno effetti antinfiammatori significativi, tra cui l'attenuazione del rilascio di citochine e la diminuzione dell'attivazione delle cellule immunitarie, un effetto osservato sia in modelli in vitro che in vivo.

CBDV

La cannabidivarina (CBDV) è un analogo strutturale del CBD, con la molecola accorciata da due ponti di metilene. Studi in vivo hanno riportato risultati antiepilettici consistenti con 200 mg·kg-1 i.p. di dose orale. Come il CBD, il CBDV è un agonista dei canali TRPV1/2 e TRPA1 e un antagonista dei canali TRPM8, il che può spiegare le somiglianze nelle loro proprietà neuroprotettive, in particolare l'azione del CBDV. Pochissimi studi riportano dosaggi cronici di CBDV, evidenziando soprattutto la necessità di studi futuri per valutare la diversa biodisponibilità di questo composto in specie diverse.

CBC

Il cannabicromene (CBC) è stato isolato per la prima volta nel 1966 da Gaoni e Mechoulam ed è un cannabinoide non psicotropo che non interagisce con i recettori CB1. Il CBC è un agonista dei recettori CB2 e dei canali TRP, agendo potentemente su TRPA1 e mostra una certa attività sui canali TRPV3 e TRPV4. Il CBC (0,001-1 μM) ha mostrato promettenti effetti antinfiammatori nei modelli in vitro. Questi effetti antinfiammatori possono svolgere un ruolo fondamentale nella capacità del CBC di agire come neuroprotettivo, poiché l'infiammazione e l'iperattivazione della risposta immunitaria sono caratteristiche importanti delle condizioni neurodegenerative. Pertanto, ulteriori ricerche dovrebbero valutare questo composto in condizioni neuro-infiammatorie, dove può avere potenziale.

CBN

Il cannabinolo (CBN) è un prodotto di ossidazione del ∆9-THC ed è stato il primo cannabinoide ad essere scoperto e isolato. Come ∆9-THC, è stato dimostrato che attiva i recettori CB1, ma con una potenza inferiore, oltre ad agire come agonista sui canali TRPV2. È stato recentemente dimostrato che il CBN riduce la sensibilizzazione meccanica e la sensibilità delle fibre muscolari afferenti in un modello in vivo di dolore miofasciale, ma non è stato studiato alcun meccanismo d'azione. L'attività antiossidante del CBN è una caratteristica dei cannabinoidi, che si ritiene sia dovuta alla presenza dell'anello fenolico e delle parti carbossiliche, nonché alla capacità di aumentare le difese antiossidanti.

∆9-THCV

∆9-THCV è un omologo di ∆9-THC che differisce solo per una catena laterale di propile. Gli  studi hanno suggerito che ∆9-THCV agisce come un agonista del recettore CB1, condividendo proprietà con ∆9-THC, anche se con meno intensità. Esistono studi in cui ∆9-THCV ha mostrato risultati promettenti come agente antiepilettico e neuro-protettivo in due modelli di malattia di Parkinson, mentre altri suggeriscono che ∆9-THCV medi alcuni dei suoi effetti protettivi agendo sui recettori CB1 e CB2, ma i dati rimangono in gran parte poco chiari e mancano anche indagini sul potenziale di ∆9-THCV di agire in altri bersagli cannabinoidi noti.

∆9-THCA

∆9-THCA è il precursore acido di ∆9-THC. Mostra scarsa affinità per i recettori CB1 o CB2. Il ∆9-THCA può avere effetti antinfiammatori che migliorano la vitalità neurale in modelli di malattia di Huntington. In uno studio recente il ∆9-THCA ha mostrato una penetrazione cerebrale estremamente scarsa in entrambi i veicoli testati. Inoltre, gli studi hanno dimostrato che ha una scarsa stabilità e si decarbossila rapidamente in ∆9-THC, mettendo in discussione se la capacità di ∆9-THCA di agire come neuroprotettore negli studi sia effettivamente dovuta a una contaminazione quasi inevitabile. Nel complesso, i dati giustificano ulteriori indagini su ∆9-THCA come potenziale agente neuroprotettivo e antinfiammatorio, ma con cautela e tali studi dovrebbero includere dati sulla purezza su ∆9-THCA per migliorare la robustezza dei dati sperimentali.


Stone NL, Murphy AJ, England TJ, O'Sullivan SE. A systematic review of minor phytocannabinoids with promising neuroprotective potential. Br J Pharmacol. 2020;177(19):4330-4352. doi:10.1111/bph.15185